FESTA DI VOTO

19 gennaio 2014 at 16:46

 

Foto Feliciana Mariotti (www.ilnotiziariodicortina.com)

Questa mattina, alle 9.40,  la processione, formata dalle autorità civili e religiose e dai residenti, è partita dalla chiesa parrocchiale per la via breve data l’abbondante nevicata, ed è arrivata al Santuario della Madonna della Difesa, dove una parte di fedeli ha atteso il vescovo della diocesi di Belluno – Feltre monsignor Giuseppe Andrich per la celebrazione della Santa Messa. Don Paolo,  decano della parrocchia di Cortina, ha voluto recitare tre “Ave Maria”  rivolte alla Madonna, al Vescovo, arrivato nonostante la grossa nevicata, e ai politici anche quelli assenti.

Foto Feliciana Mariotti (www.ilnotiziariodicortina.com)

La Scola Cantorum ha eseguito il Kyrie e il Gloria.

Il Vescovo ha voluto salutare tutti, in modo particolare  il sindaco assente, e parlando delle autorità ha invitato a non formulare critiche. In particolare ha esortato i politici, dati i tempi difficili, a portare un valido contributo al paese.

Andrich ha ricordato che da molti anni partecipa a questa celebrazione e ha ringraziato tutti i presenti alla Festa di Voto, pure i prelati: don Paolo e Fra’ Leone, Ludovico e Gabriele, don Giuseppe, don Alex e tutti i collaboratori . Ha ricordato il messaggio di Papa Francesco nella giornata degli emigranti.

Foto Feliciana Maiotti (www.ilnotiziariodiCortina.com)

 

Con riferimento alla liturgia della Parola nella sua omelia il vescovo ha commentato:  ”C’è un preannuncio di Maria nella personalità di Giuditta, personificazione del popolo Giudeo”, reca in sé una sfida: sia benedetta fra le donne, quelle donne che debbono venire meno ai pericoli che le sovrastano e possano essere valorizzate;  ha ricordato che siamo stati creati a somiglianza di Dio, quindi dobbiamo vedere gli altri come fratelli e sorelle ed essere pronti ad accoglierli e ad amarli. Facendo riferimento alla seconda lettura ha detto che è un’invocazione affinché tutto concorra al bene che si rivolge a Dio. E’ stato rinnovato il voto. Prima del commiato e del saluto di Fra’ Leone guardiano del Santuario, don Paolo ha rivolto la supplica della Parrocchia alla Beata Vergine della Difesa. (f.m.)

Foto Feliciana Mariotti (www.ilnotiziariodicortina.com)

0 Commenti

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento


Designed by WPZOOM